Pesca Al Dentice Da Riva : Periodo, Attrezzatura e Consigli

Stai cercando un modo per pescare il dentice da riva? In questo articolo ti spiego come farlo grazie a due tecniche. Lo spinning e lo shore jigging. 

In particolare andiamo a vedere le caratteristiche e il comportamento di questo pesce. Fondamentale per capire come insidiarlo. 

Il periodo e il momento migliore della giornata e infine l’attrezzatura necessaria per pescare il dentice.

More...

Pesca al dentice : caratteristiche, habitat e comportamento

pesca al dentice da riva

Caratteristiche del dentice

Il dentice è un pesce dal corpo ovale e schiacciato ai lati, simile a quello di una orata. La bocca è molto grande con denti caniniformi. Il nome del dentice proviene proprio da questa sua caratteristica. 

I giovani hanno un colore più tendente all’azzurro mentre gli esemplari adulti hanno un colore tendente al rosa o rosso pallido. 

Questo predatore molto furbo e guardingo può arrivare a pesare la bellezza di oltre 15kg per 1 metro di lunghezza. Il record italiano è di oltre 11 kg, pescato in Sardegna. 

Habitat del dentice

Il dentice vive in tutto il mediterraneo e nelle coste italiane, inoltre vive anche nell’oceano atlantico e nelle coste meridionali della gran bretagna. 

Predilige acque profonde fino a 150-200 mt e anche nel periodo della riproduzione non va sotto i 10 metri di profondità. 

Da giovane vive in praterie di posidonia e scogliere. Mentre da adulto predilige le scogliere e le secche che rappresentano un ambiente ideale per gli agguati e la caccia.

Dentice : Alimentazione e comportamento

Il dentice è un pesce gregario in giovane età e più solitario da adulto. Nella caccia ama nascondersi e tendere agguati alle sue prede, un pò come fa la spigola. La differenza è la profondità a cui lavorano. 

Il dentice lo troviamo solo a profondità superiori i 10 metri e caccia prettamente sul fondale e negli strati più bassi. 

Le sue prede preferite sono sarde, occhiate, boghe, menole e cefalopodi. Mentre da giovane fino a pochi kg di peso, si nutre di molluschi, crostacei e invertebrati.

quando pescare il dentice da riva e gli orari migliori

il dentice si riproduce tra marzo e giugno, e in questo periodo si avvicina alla costa, quindi il periodo migliore per pescarlo dalla riva è la primavera. In zone preferibilmente poco battute dalle imbarcazioni. 

Qual è l'orario migliore per pescare il dentice? 

Si tratta di un pesce crepuscolare, quindi è meglio insidiarlo un’ora prima e dopo il tramonto e l’alba.

pesca al dentice  : i luoghi migliori

Abbiamo visto che il Dentice è un predatore che predilige le profondità elevate. Proprio per questo motivo, da riva bisogna andare a ricercare gli spot le profondità sono elevate. Preferibilmente superiori ai 10 metri. Lo spot migliore con queste caratteristiche è la scogliera a picco sul mare. 

Ecco un esempio di dentice pescato in scogliera.

Canna, mulinello e terminare per pescare il dentice

Il dentice può essere pescato con la tecnica dello spinning o shore jigging

Lo shore si differenzia dallo spinning principalmente perché utilizza come esca solo il jig, per questo le canne avranno un casting più elevanto, in quanto i jig possono pesare dai 7gr ai 100 grammi.

Canna per il dentice a spinning / light shore jigging

Per lo spinning va bene una canna da scogliera con misure che vanno dai 2.40 ai 2.70. E un casting compreso tra i 7 e i 60 grammi. Gli artificiali utilizzati con uan canna da spinning saranno leggermente più piccoli di quelli da shore jigging, ma questo non andrà a compromettere le catture.

Canna per pescare il dentice a shore jigging

Per lo shore jigging la canna sarà leggermenta più lunga, di una lunghezza compresa tra i 2.70 mt e i 3 mt e un casting tra i 20 e i 100 grammi. Con azione fast o extra fast.

Quale scegliere? Se non intendi specializzarti solo in shore jigging ti consiglio una canna da spinning, in questo modo potrai usarla anche con artificiali di altro tipo o in spot differenti dalla scogliera.

Mulinello per la pesca al dentice 

Il mulinello deve essere potente  e capace di contrastare la forza di questo pesce che non è per nulla da sottovalutare. Anzi. 

Per lo spinning o light shore jigging un mulinello da 4000 è il minimo, meglio 5000. Con una buona frizione anteriore e raccoglimento delle lenza a spire incrociate in modo da evitare le fastidiosissime parrucche con il trecciato. Che spesso ti rovineranno la pescata. 

Se decidi di praticare invece shore jigging allora si può arrivare ad usare anche mulinelli da 6000-8000, sempre di ottima fattura, con frizione potente dai 9-10 kg in su, e gear ratio da 4.6 a 5.2.

Filo e terminale per pescare il dentice

Per la lenza madre andremo ad utilizzare obbligatoriamente un buon trecciato dalle 30 libbre in su. Mentre per il terminale puoi usare un 1 metro di fluorocarbon dello 0.50 o 0.60. 

Esche artificiali per la pesca al dentice

Per gli artificiali ovviamente utilizzeremo i jig, insieme a due sottocategorie di jig, il kabura e l’inchiku. 

Il jig : rappresenta un pesciolino da fondale

Inchiku e Kabura invece sono rappresentazioni di cefalopodi. 

Come peso andremo a scegliere in base all’azione della nostra canna. Con una canna da spinning lanceremo artificiali da un 20 grammi fino a 40-50 grammi. 

Con una attrezzatura da shore jigging invece potremo spingerci fino 100 grammi o persino 120. 

Oltre a questi artificiali possono essere utilizzati anche minnow sinking (affondanti).

Per concludere

Come hai visto il dentice è un pesce magnifico, potente e non facile da catturare, specialmente da riva. Ma questo non vuol dire che sia impossibile. Nel periodo migliore che è la primavera e in spot dove la profondità sono superiori ai 10 metri, la pesca del dentice diventa più che possibile. 

Buona pescata! 🙂

Lascia un commento